Tel: 035 530278

Per chiamate urgenti puoi trovarci anche al nr. 035 3692093

Servizi

Igiene e prevenzione

La cura quotidiana dell’igiene orale è fondamentale, ma in certi casi i batteri sono così in profondità da non essere più rimovibili con la normale pulizia domiciliare. Serve quindi un professionista che, grazie a strumentazioni particolari, raggiunga le zone più profonde e curi la parodontite con una terapia non chirurgica suddivisa in varie fasi.
- Informazione sull’utilizzo corretto degli strumenti domiciliari (colluttori, scovolini) e sulle tecniche di spazzolamento.
- Rimozione dei fattori infettivi (tartaro, batteri, tossine batteriche) e del cemento radicolare necrotico e contaminato (levigatura radicolare).

Endodonzia

Il trattamento endodontico è un intervento odontoiatrico ambulatoriale che si rende necessario quando la polpa (il tessuto molle interno al dente) è infiammata o infetta per un danno provocato da una carie profonda, dall’esito di interventi sul dente, o da un trauma (grave e improvviso o più leggero ma ripetuto) che ha provocato frattura o scheggiatura o incrinatura profonda. La polpa dentaria, contenuta all’interno dei denti, popolarmente nota come nervo del dente, è in realtà un tessuto altamente specializzato costituito da arterie, vene, terminazioni nervose e cellule connettivali. Nell’età dello sviluppo questo tessuto ha la funzione di formare la struttura portante calcificata del dente (dentina); nell’adulto, ad accrescimento completato, la polpa – ormai assottigliata – resta confinata nella camera pulpare e nei canali radicolari, con funzioni residuali di sensibilità al freddo e idratazione della dentina. A perturbare lo stato di salute pulpare possono intervenire varie situazioni patologiche, la più frequente delle quali è di gran lunga la carie dentaria (vedi oltre), ossia la decalcificazione e distruzione progressiva dei tessuti duri del dente per l’azione di microrganismi presenti nella placca batterica. Se non si interviene tempestivamente la cavità prodotta dalla carie si ingrandisce e approfondisce ed estende finché la polpa viene raggiunta dai batteri con trasformazioni irreversibili dovute all’infezione. Quando si arriva a questo stadio la cura conservativa che consente di mantenere il dente evitando l’estrazione è la terapia endodontica, o cura canalare o anche più impropriamente devitalizzazione. In generale l’Endodonzia mira a conservare i denti che hanno ricevuto un danno grave della loro struttura che ha portato all’infezione e alla necrosi della polpa, con ripercussioni acute o croniche dei tessuti circostanti, più o meno dolorose. La moderna Endodonzia si avvale di strumenti sofisticati per la diagnosi e la terapia, quali lo stereomicroscopio operatorio, i biomateriali innovativi, la strumentazione in leghe speciali.

Conservativa / Estetica

L’odontoiatria conservativa si occupa del restauro e del recupero dei tessuti dentali danneggiati dalla carie o da traumi con materiali in grado di imitare perfettamente la forma e i colori originali dei denti. Il nostro studio realizza otturazioni utilizzando materiali completamente atossici e biocompatibili al 100%; i trattamenti di conservativa estetica prevedono, inoltre, faccette in porcellana, intarsi e ricostruzioni. Nei casi più semplici i tessuti possono essere ricostruiti con otturazioni in materiale composito mentre, in quelli più complessi, si consiglia l’uso di intarsi estetici che possono essere costituiti da materiale composito, ceramica, disilicato e zirconio.

Chirurgia orale

La chirurgia orale comprende tutta una serie d’interventi chirurgici che hanno il compito di rimediare situazioni anatomiche sfavorevoli ed irreversibili. La maggior parte degli interventi vengono eseguiti in anestesia locale e solo raramente in sedazione. Gli interventi di chirurgia orale interessano estrazione di un dente irrecuperabile disinclusione di denti ritenuti per poi essere riposizionati ortodonticamente nella loro posizione naturale, estrazione di denti inclusi, rimozione di formazioni cistiche interessanti sia le strutture osse sia i tessuti molli, endodonzia retrograda, apicectomia rimozione di esostosi con rimodellamento osseo della mandibola e del mascellare superiore rimozione di piccole formazioni tumorali del cavo orale. Oggi la chirurgia orale si avvale d’importanti ausili quali la microscopia, la piezosurgery ed il laser.

Implantologia

Gli impianti osteointegrati sono utilizzati in chirurgia orale per sostenere protesi dentarie di tipo fisso, oppure per ancorare protesi rimovibili scomode ed instabili. Questo permette di ottenere delle riabilitazioni molto più funzionali, conservative ed estetiche rispetto al passato. La chiave dell'implantologia è il processo di osteointegrazione, un termine che serve per definire l'intimo rapporto che si forma tra l'impianto ed il tessuto osseo che lo circonda. Con l'utilizzo di impianti in titanio di particolare forma e superficie si crea con l'osso un rapporto intimo ed estremamente stabile, tale da assicurare nel tempo la possibilità di sottoporre l'impianto alle forze masticatorie. In situazioni ideali gli impianti possono essere direttamente posizionati e quando le condizioni locali e anatomiche lo permettono, è possibile posizionare gli impianti contestualmente all'estrazione di eventuali denti presenti non più stabili (impianti post-estrattivi), oppure eseguire la riabilitazione protesica contemporaneamente all’inserimento degli impianti (impianti a carico immediato), senza attendere ulteriori tempi di guarigione. In caso di scarsa quantità o qualità di osso (atrofia) è opportuno procedere con un intervento di chirurgia orale: la ricostruzione dei mascellari. In caso di atrofie lievi o moderate si possono utilizzare materiali sintetici (Bi-oss oppure osso di banca) per ricostruire il tessuto osseo che è andato perduto e procedere contemporaneamente al posizionamento degli impianti. In casi più complessi e in gravi quadri di atrofia, si utilizza l'osso autologo prelevato da altre sedi del paziente per ricostruire tridimensionalmente i mascellari e l’inserimento degli impianti verrà effettuato in un secondo momento, al termine della fase di guarigione ed integrazione dell’osso.

Protesi mobile e fissa
Implantoprotesi

La Protesi dentale, è un manufatto su misura utilizzato per sostituire la dentatura originaria persa sia per motivi di patologia cariosa-parodontale o traumatica. L'odontoiatria si occupa della progettazione e dello studio dei materiali da utilizzare per la realizzazione del dispositivo protesico. La protesi dentale è un dispositivo medico su misura per sostituire gli elementi dentari mancanti. Per poter sostituire fisiologicamente, anatomicamente, biologicamente e funzionalmente gli spazi edentuli queste protesi devono avere dei requisiti di bio-compatibilità e garantire nel tempo sia gli elementi sostitutivi che l'integrità degli elementi dentali residui. La scelta del tipo di protesi più idonea si basa su fattori bio-meccanici, estetici, economici ed anche sulle esigenze del paziente. Lo studio è in grado di fornire qualsiasi tipologia di protesi il paziente richieda. Nel nostro studio vengono realizzate protesi fisse in materiale metallo nobile ceramica - lega metallo nobile resine. Protesi su impianti (implantoprotesi), protesi combinata (una parte fissa l'altra mobile), protesi mobile scheletrata, protesi mobile in resina. Nei casi clinici in cui è possibile per motivi estetici si eseguono faccette estetiche o corone metal-free (senza metallo). Attualmente l'uso dello zirconio, un materiale innovativo che consente di ottenere ottimi risultati estetici inoltre è molto resistente, ha sostituito sensibilmente l'utilizzo di protesi di tipo tradizionale.

Parodontologia - Chirurgia plastica parodontale

La parodontologia è una branca dell'Odontoiatria che si occupa della diagnosi e terapia delle malattie che interessano il Parodonto (organo di sostegno del dente). Il parodonto è costituito da: - gengiva - legamento parodontale (solidarizza il dente all’osso) - cemento radicolare (tessuto che ricopre la radice del dente) - osso alveolare La parodontologia si occupa quindi dell'insieme dei tessuti che concorrono a formare l’organo di sostegno del dente e si occupa anche delle malattie che lo interessano. Queste vengono chiamate genericamente malattie parodontali o parodontopatie o piorrea (termine storico oggi ancora utilizzato nella popolazione).

Ortodonzia in bambini e adulti

La presenza di denti anteriori disallineati o sporgenti, oltre ad alterare l'estetica del sorriso può portare alla comparsa di problemi nella masticazione oltre che problemi di carattere conservativo come l'aumento di carie. Negli ultimi anni sono sempre di più gli adulti che si sottopongono a trattamenti ortodontici per migliorare sia la masticazione che l'aspetto estetico, pertanto ritenendo importante stare al passo con i tempi, ci distinguiamo per essere all'avanguardia nell'offerta di trattamenti innovativi come invisalign, ortodonzia invisibile sia negli adulti che nei bambini, ortodonzia linguale, ortodonzia estetica.

Pedodonzia

La Pedodonzia è quella branca dell’ odontoiatria che si occupa del trattamento dei bambini e degli adolescenti. Un approccio sin dai 3-4 anni di età con la figura di un odontoiatra è importante per stabilire con i bambini un rapporto di fiducia e superare gli stati di ansia e i blocchi psicologici. Nel nostro studio ogni bambino viene inserito in un programma di prevenzione della carie attraverso l esecuzione di sigillature, di fluoroprofilassi e richiami periodici di igiene.